Da Bologna a Firenze a piedi per dire no alla droga Pellegrinaggio lungo la Via degli...
22 OTT - Sono 33 le nuove sostanze psicoattive identificate dal Sistema Nazionale di Allerta Prec...
Droga: Com. Papa Giovanni, giovani comprano droghe da web   «Con la chiusura delle scuole...

 

Comunità dipendenze Bologna

Da Bologna a Firenze a piedi per dire no alla droga

Pellegrinaggio lungo la Via degli Dei, in preparazione alla Giornata contro droga e narcotraffico

 

Partiranno lunedì 14 giugno alle 10.30 in Piazza Maggiore a Bologna, alla volta di Firenze, alcuni dei ragazzi impegnati nel cammino di liberazione dalle dipendenze  proposto dalla Comunità Papa Giovanni XXIII. Lottano contro droga, alcool e gioco d'azzardo nella comunità terapeutica, nella foto, di Castel Maggiore (BO). Li accompagneranno gli operatori e qualche familiare: in tutto saranno una decina i pellegrini che raggiungeranno Piazza della Signoria domenica 20 giugno, lungo la Via degli Dei.

Con loro ci sarà Fabio Bernasconi, responsabile della struttura:  «Il percorso metterà insieme la fatica del cammino con la bellezza dello stare insieme e della scoperta dei luoghi».

 

Guarda il filmato su Facebook

Scarica il volantino


Percorreranno 130 chilometri nella natura dell'Appennino Tosco-Emiliano; il cammino segnerà il percorso di avvicinamento alla Giornata internazionale contro l'abuso ed il traffico di droga del 26 giugno, che l'associazione di Don Benzi celebrerà quel giorno a Rimini con la Festa dell'interdipendenza e del riconoscimento.

La comunità terapeutica della Comunità Papa Giovanni XXIII a Castel Maggiore (BO) è dedicata a San Giuseppe, cui Papa Francesco ha affidato il 2021; lo ricorda il Presidente dell'associazione di Don Oreste Benzi, Giovanni Paolo Ramonda: «Le dipendenze ci ancorano ai nostri pensieri. A San Giuseppe invece un angelo appariva in sogno e diceva di non avere paura, di partire, di mettersi in cammino. Anche il nostro fondatore ci ha insegnato a vivere sempre con le scarpe ai piedi».

Il cardinale Matteo Maria Zuppi, arcivescovo di Bologna ha affidato il suo augurio ad un video messaggio: «La droga spegne l'anima e si insinua poco alla volta, come è successo, senza che ce ne accorgessimo, con la pandemia del Covid-19. All'inizio sembrava un niente, poi abbiamo visto quanta sofferenza ha portato e quanta vita si è presa. Voi invece coltivate un sogno, raccontatelo alle persone che incontrate lungo il cammino e testimoniate con passione che dalle dipendenze ci si può liberare».

Un raccomandazione per il ritorno è arrivata dal comico Giuseppe Giacobazzi: «Leggete e studiate molto, perché la cultura è l'unica droga che crea in-dipendenza».

La Comunità Papa Giovanni XXIII ha aperto nel 1980 la prima Comunità terapeutica per il recupero delle persone con dipendenze patologiche. Oggi gestisce 34 Comunità Terapeutiche - 22 in Italia e 12 all'estero - in cui sono accolte oltre 300 persone.

 


 
Ufficio stampa
 
 

          


Commissionaci un lavoro
Sostienici
Il tuo 5x1000
Iscriviti alla newsletter






Consenso alla privacy